Via Giuseppe Zanardelli, 32

00186 Roma - Italia

Tel +39 06 6840051

Fax +39 06 56561470

segreteria@usminazionale.it

segreteria@usminazionale.it

Title

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Author Archive %s Rosanna Costantini

FORMAZIONE CONTINUA

Venerdì 12 novembre 2021
Le religiose immerse in questa società individualista: come contrastarla? Relatrice Sr Nicla Spezzati

L’obiettivo dell’itinerario di formazione continua proposto è quello di far emergere tutti quegli sforzi di comunione che nella Vita Consacrata sono presenti da sempre e fanno parte della sua natura.
Ciononostante, però, anche nelle nostre comunità si è fatto largo spazio l’individualismo, un tarlo che sta minando la nostra società e che rischia di sfigurare anche la natura comunionale della vita religiosa. Abbiamo bisogno di riscegliere la comunione e di dilatarla in cammini sinodali e intercongregazionali.
In questo secondo incontro, Sr Nicla Spezzati, consigliera Usmi e già sottosegretario alla CIVCSVA, con la sua esperienza nel dicastero della Vita Consacrata e come superiora regionale del suo Istituto, ci offrirà una riflessione da “di dentro” della nostra vita e delle nostre comunità.

 

FORMAZIONE PROFESSIONE PERPETUA

“Il mio diletto è per me e io per lui” (Ct 2,16)
Sono una cinquantina le sorelle che partecipano a queste tre settimane di formazione in preparazione alla professione perpetua. Appartengono a 23 congregazioni e provengono da 20 diverse nazioni.
Viene proposto un cammino di “Memoria Dei”, un tempo per ripercorrere la propria vocazione in clima di preghiera e di condivisione, per quanto l’interazione online lo consente. Ogni riflessione è proposta in un continuo confronto con la vita. Nelle tre settimane sono previsti gli esercizi spirituali.

GOVERNACE – CONSIGLIO NAZIONALE

Come ogni anno il Consiglio Nazionale si ritrova per uno sguardo retrospettivo di valutazione e prospettico di programmazione delle linee generali del nuovo anno.
Vi partecipano le presidenti, le vicepresidenti e le segretarie regionali, le coordinatrici degli ambiti nazionali con le relative equipe.
Dopo un resoconto della vita delle Usmi regionali, verrà affrontato un tema in vista dell’Assemblea Nazionale di Novembre prossimo: “La pandemia come epifania”, relatrice Chiara Antonia Scardicchio. A partire da questa relazione le partecipanti saranno invitate a lavorare personalmente e in gruppo, secondo una metodologia interattiva approntata dal Prof Giovanni Grandi, per giungere alla raccolta di un “paniere” di indicazioni di cambiamenteo/conversione, punto di partenza per la programmazione annuale.

GOVERNACE – TERZO SETTORE

Prosegue il lavoro di studio ed approfondimento, anche in collaborazione con la CEI, della nuova normativa di Terzo Settore e delle implicazioni che essa comporta per i nostri Enti e le nostre Opere. A tale scopo si tiene oggi un ulteriore incontro online aperto alle superiore e ai superiori generali e provinciali, alle econome/i e loro consulenti. Tale incontro vedrà la partecipazione di Relatori attivamente impegnati nella materia in esame.

FORMAZIONE CONTINUA

Siamo giunte all’ultima tappa del seminario “Sguardo sapienziale sul nostro tempo – la Vita Religiosa oltre il presente”. Il tema che i due relatori svolgeranno è una domanda che ci provoca: “A quale normalità vogliamo tornare?”. All’inizio della pandemia tutti si ripetevano che dopo questo periodo difficile nulla sarebbe stato più come prima; oggi, da più parti, si sente gridare che bisogna tornare alla normalità. Cosa vuol dire? Veramente vogliamo e possiamo tornare a come eravamo?
Cosa è veramente la normalità? In cosa consiste l’essere normali per gli uomini e le donne del nostro tempo? Per noi religiose cosa è stato questo tempo di pandemia? Cosa ci ha fatto riscoprire o scoprire?
I temi affrontati lungo questi mesi ci hanno messo davanti analisi bibliche, teologiche, sapienziali e sociologiche che ci hanno invitato a ripensare l’umano con la sua intrinseca valenza: siamo immagine e somiglianza di Dio, siamo figlie e figlie, fratelli e sorelle, coinquilini di un mondo da far fiorire e di cui condividere il più possibile i frutti… Ci si apre davanti allora un futuro che non potrà delinearsi come ripetizione di un passato malato, che dovrà perciò essere affrontato nell’impegno di un rinnovamento radicale accentuando l’accoglienza e non l’esclusione; la sobrietà e non il consumo, la solidarietà e non la padronanza.

FORMAZIONE CONTINUA

Il prossimo Seminario online di formazione continua “Sguardo sapienziale sul nostro tempo – la Vita Religiosa oltre il presente” ha un tema quanto mai attuale: “La persona al di sopra della struttura”.
Non è un argomento nato dentro la pandemia attuale, ha radici, per noi religiose, già nel Concilio Vaticano II; il Sinodo sulla Vita Consacrata e i successivi documenti del magistero ne hanno dato sempre ampio spazio. Papa Francesco, col suo sguardo attento ai poveri, sta proclamando che la persona vale più di tutti i profitti messi insieme e che questi o sono al servizio della persona, o diventano strumenti di perversione e di peccato.
La pandemia, dal canto suo, ha scoperchiato le pentole sociali della salute pubblica che tale è se nel pubblico sono presenti non solo quelli che contano ma tutti, ciascuna persona: dall’anziano al giovane, dal sano al malato, dal ricco al povero. Così come ha messo in evidenza i problemi del lavoro, dell’immigrazione, della scuola. Siamo chiamate, come religiose, ad affermare a tutti i livelli la dignità della persona umana, il valore della persona sulla struttura. E questo nel pubblico certamente, ma anche nel privato delle nostre congregazioni e delle nostre comunità, dove capita che pur tra i numerosi cambiamenti che si stanno compiendo, rimane sempre la tendenza a conservare le strutture rassicuranti finora acquisite.
Il mistero pasquale che in questi giorni celebriamo ci ricordi quanto Gesù ha operato nelle strutture del suo tempo e come con la sua morte e risurrezione ha squarciato il “velo del tempio”!

POSTULANTI

Nel percorso con le Postulanti siamo partite dalla domanda: quale uomo, quale donna per questo cambiamento d’epoca?
Nei primi due incontri abbiamo interrogato la Scrittura attraverso le figure di Ester e di Paolo di Tarso.
Tre incontri successivi li abbiamo dedicati ad ascoltare le testimonianze di donne che hanno attraversato i secoli dal XIX al XXI secolo. I loro messaggi li abbiamo raccolti in nuvole di parole:

   

Tante parole generative, e tante altre che ciascuna giovane ha nel cuore! Tra queste e quelle, ciascuna Postulante sceglierà le parole che più hanno toccato il suo cuore e le presenterà in una delle 10 modalità indicate dal prof Cursio, durante i prossimi due incontri di Aprile.

FORMATRICI

Dopo i primi tre incontri in cui abbiamo avuto un confronto aperto e arricchente con padre Amedeo Cencini, con don Massimo Grilli, con don Fabrizio Pieri e don Giammaria Cipollone, ci avviamo ora verso l’ultimo incontro che sarà animato da padre Emilio Gonzalez Magaña. Un esperto di teologia spirituale ma soprattutto di accompagnamento e direzione spirituale. Con lui affronteremo sicuramente il tema della relazione di guida e di aiuto alla persona, dove chi accompagna e chi è accompagnato sono sotto lo sguardo e la potenza amorosa dello Spirito Santo. Avremo modo di confrontarci anche con la sua esperienza e trovare risposte alle numerose domande che ci portiamo dentro, nel vivere quotidianamente il nostro ministero di formatrici.

FORMAZIONE CONTINUA

I Seminari online di formazione continua “Sguardo sapienziale sul nostro tempo – la Vita Religiosa oltre il presente”, stanno ritmando lo scorrere dei mesi e tentano di offrire alle partecipanti, sempre molto numerose, chiavi di lettura del tempo presente ancora attanagliato dalla pandemia! Quale vita cristiana e quale Vita Religiosa in un tempo di fragilità e incertezza come questo che ci troviamo a vivere e che ha amplificato quanto già ribolliva nelle viscere della vita delle persone e dei popoli, delle istituzioni e degli stati? C’è una speranza? Ne siamo certe, ovviamente, ma quale posizione ci chiede di prendere nella storia questa Speranza?!
Ogni Seminario finora svolto ci ha dato delle indicazioni, ha acceso delle luci e offerto prospettive, il prossimo, nel giorno della festa di San Giuseppe, in pieno tempo quaresimale e vicino alla settimana santa ci invita ad entrare nel “silenzio e nell’attesa del sabato” per leggere i passi leggeri e teneri di Dio che passeggia in mezzo a noi alla brezza del giorno, come ci racconta il libro della Genesi 3,8

 

GIOVANI E VOCAZIONE

«I piedi ti porteranno là dov’è il tuo cuore». (Saggezza irlandese). E i nostri passi si stanno avviando verso la tappa conclusiva (ma non finale!) del percorso laboratoriale per animatrici di pastorale giovanile e vocazionale dal tema: “… e camminava con loro”.

Davvero possiamo affermare che sono stati incontri dove la testa, il cuore, il desiderio, hanno trovato il loro centro nella relazione tra noi, con i giovani che accompagniamo e, soprattutto, con il Signore che continuamente opera meraviglie.

I primi passi di questo itinerario li abbiamo mossi nella direzione del fare memoria della nostra storia personale come storia di salvezza: la memoria di Dio, di sé stessi e degli altri ha dato forma ad una narrazione che ha fatto cogliere come i dinamismi dello Spirito superano di gran lunga il tempo e lo spazio, realizzandosi quotidianamente nella nostra risposta vocazionale.

I passi successivi sono stati caratterizzati da una riflessione sul servizio di accompagnamento di giovani cercatori di senso e di futuro. Tale riflessione è stata custodita nella condivisione che ha condotto ad individuare dei nuclei generativi legati allo stile di accompagnamento. Davvero interessante è stato notare come è solo la vita a generare vita!

E passo dopo passo, siamo arrivati al terzo incontro che è stato davvero “luminoso”: ci siamo confrontati con circa 250 giovani e con loro abbiamo vissuto un particolare esercizio di ascolto. Non si è trattato di fare domande, dare risposte ecc. ma siamo partiti tutti, consacrate/i e giovani dalla stessa domanda e il dono è stato proprio quello di una condivisione libera, senza aspettative se non quella di gustare il dono della fraternità e dell’ascolto.

Questo “giro di boa” ci ha portati al passo successivo che è stato quello di confrontarci su una relazione di accompagnamento evidenziando spazi di crescita, rischi possibili, prospettive di futuro.

Ed eccoci giunti all’ultimo passo che favorirà un tempo di rilettura del percorso, per vivere la gratitudine per la fraternità vissuta; per condividere con responsabilità i propri personali passi possibili, per guardare insieme al futuro prendendoci cura dell’oggi.

Simon Weil ha scritto che “Il desiderio di luce, produce luce”: possano la nostra mente e il nostro cuore custodire questa luce perché coloro che ci incontrano si sentano aiutati a vedere e incontrare il Dio che chiama e dona vita.

 

Sr. Tosca