Via Giuseppe Zanardelli, 32

00186 Roma - Italia

Tel +39 06 6840051

Fax +39 06 56561470

segreteria@usminazionale.it

segreteria@usminazionale.it

Title

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Author Archive %s Azia Ciairano

PASTORALE RETE ANTI TRATTA

La nostra “Rete Antitratta”, in collaborazione con Caritas italiana “Gruppo tratta”, il 09 e 11 Giugno p.v. si ritroverà online in un Seminario in due tappe per mettere a fuoco due macrotemi – “Lavoro e inclusione” e “Dalla strada all’indoor e on line …” – da aggiornare in questo tempo di pandemia ma anche di “ripartenza”, cercando insieme nuove strategie e nuovi percorsi di accoglienza, protezione, integrazione delle persone vittime di tratta.

I temi saranno presentati da relatrici competenti ma anche impegnate quotidianamente sul campo per contrastare la tratta e promuovere accoglienza e integrazione delle vittime, specialmente le donne e i bambini. Seguiranno due gruppi di lavoro sui temi per favorire il dialogo e l’approfondimento con le relatrici ma anche un confronto tra le esperienze dei partecipanti per individuare punti-chiave di riferimento per “ri-progettare” i servizi, “stravolti” dalla pandemia.

PASTORALE DELLA SALUTE E DELLA SANITÀ

Nell’ambito delle iniziative del “Tavolo Cura”, frutto della collaborazione tra Usmi e Charis dal 2016, offriamo un percorso formativo annuale, inizialmente destinato in particolare alle Superiore di Infermerie di Sorelle anziane e con fragilità e poi aperto a tutte le Sorelle e anche a laici e laiche, operatori socio-sanitari o volontari, che operano nelle nostre Infermerie.
Sembra infatti molto importante che, a rotazione, tutti coloro che prestano un servizio “di cura” nelle nostre Infermerie, possano partecipare alla stessa iniziativa di formazione per assumere, confrontare e mettere in pratica i contenuti proposti, i nuovi orientamenti, le esperienze condivise.

PASTORALE NELLE CARCERI E NELL’AMBITO DEL PENALE

È il secondo di tre incontri di riflessione e di confronto con le referenti delle Usmi regionali che operano nelle carceri e nella pastorale dell’ambito del penale. La situazione pandemica non consente ancora la presenza, dunque anche questo secondo incontro sarà online. Le domande a cui stiamo tentando di rispondere noi che operiamo nelle carceri sono: “chi siamo oggi” – “a che cosa siamo chiamate”. Ci accompagna nella riflessione la teologa Stella Morra.

CONVEGNO NAZIONALE PER RELIGIOSE INFERMIERE E LAICI

Inizia oggi pomeriggio il Convegno Nazionale per religiose infermiere e laici, in collaborazione con Charis. Desiderio di tutti era farlo in presenza, ma purtroppo la situazione pandemica non lo consente ancora. Sarà quindi online, richiederà forse un po’ più di fatica per mantenere la concentrazione, però permetterà anche di seguire il convegno con più attenzione e personalizzazione. Saranno 5 giorni intensi in cu ci si confronterà con esperti nel campo delle patologie della colonna vertebrale. Ai partecipanti saranno riconosciuti gli adeguati crediti formativi.

FUORIONDA

L’ultima puntata dei Webinar “FuoriOnda” vuole dare eco alla chiamata di Papa Francesco a costruire insieme il Patto Globale per l’Educazione, ufficialmente lanciato il 15 ottobre 2020, con un evento online organizzato dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica, con la partecipazione di Papa Francesco e del Direttore Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay.
Perché questa scelta per chiudere il nostro percorso? Perché sembra, almeno dalle prime risonanze e adesioni al “patto”, che si sentano soprattutto interpellati coloro che operano concretamente nell’ambito della scuola e di servizi socioeducativi. Vorremmo invece capire insieme come tutti siamo coinvolti nella “costruzione del villaggio dell’educazione”, perché a tutti è chiesto un cambio di mentalità per favorire processi nuovi. Non possiamo, dunque, tagliarci fuori come donne consacrate appartenenti a famiglie religiose “animate”, sin dalle origini, da un “carisma educativo”, con una speciale attenzione e cura della donna, che si traduce fino ad oggi nei più diversi “ministeri educativi”. Vale la pena allora cominciare a entrare nel tema e confrontarci per assumere con gioia e responsabilità la nostra parte.